martedì 22 agosto 2017

Ci si mette una vita - Federico Russo

Ci si mette una vita

Titolo: Ci si mette una vita

Autore: Federico Russo

Anno: 2011

Voto: 3/5

votovotovoto


In una grigia e indaffarata Milano, il quasi trentenne Rubens sbarca il lunario scrivendo articoli sportivi per un giornale di media tiratura e non esattamente rinomato. Nei suoi sogni continua a rivedere la sua ex-ragazza che lo ha lasciato senza motivo, nella vita di tutti giorni, invece, fatica a trovare serenità con un lavoro che non gli regala soddisfazioni. L'arrivo di un'importante occasione di svolta nella carriera coincide con una terribile notizia che riguarda un suo grande amico: Carlo, confidente di sempre, è in condizioni gravissime per un incidente avvenuto mentre si tuffava in mare. E' il momento di scelte importanti, capaci di segnare per sempre il corso della sua vita.


_

Il protagonista torna a Firenze, la sua città di origine, e incontra gli altri due amici d'infanzia Gazza e Pico, tornati in patria per stare vicino a Carlo nelle difficoltà. Una riunione tra quattro amici nella calda estate dei mondiali di calcio del 2006 è il punto di partenza per Ci si mette una vita, romanzo d'esordio di Federico Russo, personaggio più noto nei panni di presentatore televisivo e radiofonico. Con questo breve libro, Russo esplora l'universo delle aspettative, delusioni, felicità e tristezze della sua generazioni con simpatia e freschezza.

L'ambientazione e le atmosfere sono sicuramente i punti forti di un romanzo che non brilla per complessità o riflessioni originali. Le storie dei diversi personaggi - alcuni più convincenti di altri - appaiono, infatti, abbastanza banali in alcuni passaggi. Nel complesso, tuttavia, la lettura si rivela piacevole: scorre briosa e rievoca il clima di una estate non troppo lontana in cui esperienze ed emozioni di giovani alla ricerca di una strada si mescolano con le piccole grandi conquiste di una nazionale azzurra. Perfetto per una leggera lettura di fine estate.



Fede Stories.


Fonti immagini:

Nessun commento:

Posta un commento