venerdì 16 settembre 2016

Cosa pensano le ragazze - Concita De Gregorio


Titolo: Cosa pensano le ragazze

Autore: Concita De Gregorio

Anno: 2016

Voto: 2/5



Ultimo pensiero, riflessione conclusiva. Si volta la pagina: la lettura è conclusa. Confusione e grande caos prendono il sopravvento. E' normale venire sopraffatti da diverse emozioni al termine di un libro. Solitamente questa esperienza rappresenta un buon sintomo, significa che quelle pagine sono state vissute completamente, fino all'ultima parola. Esistono però anche rari casi in cui questo smarrimento è dovuto a ben altre sensazioni. Si tratta delle eccezioni che confermano la regola. Sono quegli inclassificabili volumi scritti in maniera favolosa e confezionati con tanta cura ma che, purtroppo, non funzionano.

A mio parere, Cosa pensano le ragazze non raggiunge il suo obiettivo. Certo, prima di dire così bisognerebbe inquadrare e conoscere il suo obiettivo, la sua profonda motivazione. Onestamente non mi è ben chiaro. Forse l'ambizione era quella di tratteggiare la vastità dell'universo femminile del giorno d'oggi? Non credo perché in tal caso potrei sentirmi un extraterrestre, non rispecchiandomi in alcun ritratto contenuto in questo libro. Certo, alcune interviste - questo progetto ha visto la luce dopo una serie di interviste con donne di ogni età e provenienza - sono curiose e sfiorano interessanti temi di attualità con riflessioni che, tuttavia, non riescono a svilupparsi quanto dovrebbero.

Forse la forma danneggia fortemente il contenuto o semplicemente questo libro non faceva per me, viste le molteplici recensioni positive lette online. Se il giudizio si dovesse limitare alla scrittura, ad una penna capace di trasformarsi e di camuffare la propria identità racconto dopo racconto, probabilmente affermerei che questo ultimo lavoro di Concita De Gregorio è degno di un posto d'onore nella vostra libreria. Purtroppo - o per fortuna - la sostanza conta ancora molto e proprio per questo il libro si rivela inconcludente e, a tratti, privo dei giusti collegamenti.

Nessun commento:

Posta un commento