lunedì 19 ottobre 2015

"Sopravvissuto - The Martian" di Ridley Scott



Titolo: Sopravvissuto - The Martian

Titolo originale: The Martian

Un film di Ridley Scott con Matt Damon, Jessica Chastain, Sebastian Stan, Sean Bean, Kristen Wiig, Michael  Pena, Jeff Daniels

Genere: fantascienza, drammatico, commedia.

Durata: 141 min

Ambientazione: Marte

Anno: 2015

Voto: 4,5/5

 
 


 
Il dottor Mann, capitano della missione Nasa finalizzata alla ricerca di un nuovo pianeta per l'umanità, non è morto durante una disastrosa manovra di aggancio all'Endurance. E' riuscito a salvarsi, ha cercato di riscattarsi ed è diventato uno dei componenti dell'equipaggio di Ares 3,  una spedizione su Marte. Il capitano di questo progetto è un'altra vecchia conoscenza, Murphy Cooper che, tra un'equazione e l'altra, ha guidato questa avventura per capire se è possibile sopravvivere sul pianeta rosso.
 
 
Ah, non stiamo parlando del seguito di Interstellar? No, perché nelle ultime settimane ogni giornale, sito, blog su cui sono finita non faceva altro che presentare Sopravvissuto - The Martian parlando esclusivamente dell'ultimo lavoro di Christopher Nolan. Non c'è da stupirsi, quindi, se poi, mentre si è in coda alla biglietteria, non si sente altro che Ma sì, andiamo a vedere quello di Ridley Scott, quello come Interstellar. Siamo arrivati al punto di definire un film solamente in base agli attori presenti nel cast? Capisco che la presenza di Matt Damon e di Jessica Chastain richiami alla mente il film sopracitato. Tuttavia, non condivido questa mania di trovare a tutti i costi una somiglianza con un altro film semplicemente perché anch'esso di genere fantascientifico.
 
The Martian non è Interstellar
e nemmeno Gravity! 
 
Ancora non ne siete convinti? Provate ad ascoltare la colonna sonora di questo film: troverete brani disco 70s. Scelta insolita per un prodotto di fantascienza, non credete? E così gli Abba, Donna Summer e David Bowie diventano i fedeli compagni di viaggio di Mark Watney (Matt Damon), astronauta di Ares 3 che, a causa di una violenta tempesta di sabbia, è stato creduto morto dal resto dell'equipaggio. Mark Watney è solo, terribilmente solo davanti alla vastità ed alla desolazione del magnetico pianeta rosso che ha fatto tanto sognare gli appassionati di fantascienza, e non solo, per decenni.
 

Non più alieni o creature mostruose da combattere. Ora la fantascienza e l'esplorazione di nuovi orizzonti cinematografici sembra soffermarsi sull'uomo, sulle sue capacità, sulle sue paure, sul suo carattere. La pellicola di Ridley Scott rispetta moltissimo questo aspetto fondamentale alla base del libro da cui è tratta, L'uomo di Marte di Andy Weir. I protagonisti non sono più gli effetti speciali, i nemici, le minacce: maestosi panorami arancioni e sequenze spettacolari sono capaci di raccontare e celebrare, a loro modo, la forza di volontà e l'ingegno del Sopravvissuto del titolo. Si potrebbe pensare, però, che due ore abbondanti di solitudine marziana potrebbero essere noiose, fastidiose e, forse, anche un po' angoscianti. Tutt'altro! Dimenticatevi toni esasperatamente seri e risvolti filosofici. In The Martian tutto è chiaro e sotto gli occhi dello spettatore. Proprio per questo motivo il film è condito con una buona, e sana, manciata di umorismo e simpatia. Anche le più complicate spiegazioni scientifiche risulteranno semplici con l'interpretazione di Matt Damon.
 
Il film ha diverse anime, non si accontenta di mistero su Marte e divertimento. Chi ha avrà il piacere di gustare questo film, noterà che esso è costellato da molti riferimenti alla cultura pop. Non solo disco music ma anche serie tv cult come Happy Days e fenomeni mondiali come Il Signore degli Anelli - e se nel cast c'è Sean Bean..
Tra una disavventura e l'altra, è possibile ammirare all'opera anche alcuni 'giocattolini' supertecnologici realmente collaudati dalla Nasa: insomma, non è cosa da tutti i giorni! Se, come me, siete costantemente curiosi, avrete pane per i vostri denti.
Il cast vanta nomi di tutto rispetto, attori e interpreti che negli ultimi anni hanno incantato e conquistato milioni di cinefili. Un nome? Beh, la splendida Jessica Chastain che aggiunge al suo curriculum, già di tutto rispetto, una collaborazione con Ridley Scott. Grande spazio è dedicato, ovviamente, al protagonista ma anche i personaggi secondari sapranno stupirvi.
 
Ragazzi, fidatevi di me: correte al cinema e cantate insieme a me!
You think I'd crumble? You think I'd lay down and die?
Oh no not I, I will survive
 
 
 
 
Trailer:



4 commenti:

  1. L'ho visto giusto ieri sera e mi ha davvero colpita e sorpresa! L'impressione è proprio che la storia stessa non si prenda per nulla sul serio, dimostrando così una leggerezza che non fa per niente pesare le due ore e mezza di visione. Chissà come sarà il libro da cui è tratto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio la lettura! L'ho apprezzata moltissimo! ;)

      Elimina
  2. Sean Bean!! Ho amato il libro, quindi sono curiosissima di vederlo!

    RispondiElimina