martedì 18 agosto 2015

"Ant Man" di Peyton Reed


Titolo: Ant Man

Un film di Peyton Reed con Paul Rudd, Evangeline Lilly, Michael Douglas, Corey Stoll

Genere: fantascienza, supereroi, azione

Durata: 117 min

Ambientazione: Stati Uniti

Anno: 2015

Voto: 3,5/5








Che ci fa un individuo mascherato in una doccia? E' una nuova usanza carnevalesca? No. E' un supereroe? Sì, possiamo chiamarlo così. Ma cosa sta facendo, un selfie in bagno come il peggiore dei bimbetti? Uhm, se conosceste Ant-Man probabilmente questo non vi stupirebbe molto. L'Uomo Formica, immaginato da Stan Lee e Jack Kirby, approda finalmente sul grande schermo con la pellicola che conclude la Fase Due della Marvel. Dai risultati di questo film dipendono le sorti degli Avengers e della prossima Fase. Affidare ad un supereroe dalle dimensioni di una formica, delle responsabilità così grandi: ironico, non credete? Paul Rudd, nei panni di Scott Lang, è riuscito in questa enorme impresa.

https://cdn3.vox-cdn.com/thumbor/Aw_-VHs5snQFy5YpVtSQnPuOwPg=/cdn0.vox-cdn.com/uploads/chorus_asset/file/2911190/2015-01-07_00_34_10.0.gif


Quando ho scoperto l'esistenza di questo personaggio nell'universo dei fumetti, sono rimasta perplessa. Veramente un supereroe capace di rimpicciolirsi è così temibile? Insomma, posso capire Iron Man con i suoi mille gadget, Captain America con la sua decennale determinazione ma... Ant-Man! Il nome, più che un brivido, strappa un sorriso divertito. Potete immaginare, quindi, la mia reazione alla notizia di un film su questo supereroe. Dal punto di vista scientifico, il suo potere risulta sicuramente affascinante ma sotto un aspetto cinematografico sorge qualche dubbio. "Tutte stronzate" direbbe Hank Pym, un Michael Douglas che finalmente si avvicina, con un ruolo molto importante, all'universo dei cinecomic.

https://uproxx.files.wordpress.com/2015/01/ant-ridah.gif?w=500Ant-Man, per tutti gli elementi sopra citati, è un personaggio anomalo. Non è il classico supereroe oppresso dal senso di dovere e dalle scelte decisive. In realtà, Scott Lang non voleva nemmeno diventare Ant-Man. Tutta colpa di un furto finito male! Sì, avete capito bene: Lang non è il solito giovane pieno di ottimismo e buone intenzioni che, in strane circostanze, si trasforma in un supereroe. Scott è un ladro che compie un strano furto all'interno dell'abitazione del facoltoso Pym, brillante scienziato dalle mille sfumature. Per questo il film si distacca da altri di questo genere. A tratti richiama la spensieratezza e l'ironia de I Guardiani della Galassia ma, subito dopo, sembra porsi dei limiti. Forse è stata questa indecisione ad impedirmi di apprezzare completamente questa visione. Non fraintendetemi, Ant Man è un buon film, perfetto per questa stagione. Il box office lo premia a discapito del reboot dei Fantastici Quattro che, al cinema, non sembrano avere una grande fortuna. Tuttavia, dopo quasi due ore allegre passate comodamente sulla poltroncina del cinema, mi è rimasta l'idea di una pellicola con il freno a mano tirato, in bilico tra l'ironia che ha reso un successo il sopracitato cinecomic con Chris Pratt ed il tono solenne che per molti anni è stato alla base delle produzioni sui supereroi. E' stata scelta, a mio parere, una posizione intermedia.

Nonostante questo, ho apprezzato moltissimo lo scontro decisivo tra Ant-Man ed il Calabrone, il villain della situazione, avvenuta all'altezza... di un trenino giocattolo. Location insolita per una battaglia epica, non credete? Interessante e ben riuscita anche la prima avventura 'millimetrica' vissuta da Lang nella vasca da bagno dell'appartamento dell'ex-compagno di carcere.
Il mix tra avventura e buoni sentimenti è ben equilibrato: il rapporto padre-figlia è il vero motore del film e trova importanti sviluppi soprattutto nel caso di Hank Pym che cerca di riaprire un dialogo con la figlia Hope (una tosta Evangeline Lilly) dopo la morte della moglie.
Un film sicuramente consigliato!

-[ Fede

Trailer:

 

4 commenti:

  1. Effettivamente, l'idea di Ant-Man non si direbbe capace di spaventare un nemico al solo pensiero! XD
    Lieta tuttavia di leggere che regista e attore principale (che se non erro ha pure contribuito alla sceneggiatura) sono stati in grado di dar vita al ritratto di un eroe "riluttante ma interessante"! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sìsì, anche Paul Rudd si è messo nelle vesti di sceneggiatore, non solo di Ant-Man ;)

      Elimina
  2. Ciao Fede<3
    Sono curiosissima di vedere Ant man **

    RispondiElimina