martedì 11 agosto 2015

Batmarathon #1 -[ "Batman" di Tim Burton

Buongiorno carissimi affezionati di Stories!

Probabilmente molti di voi sono già volati verso lidi più rilassanti. Spero che le vostre vacanze siano all'altezza delle vostre aspettative. Il blog dovrebbe andare in vacanza - poverino, è stanco anche lui, capitelo - per la settimana dal 17 al 23 ma ancora nulla è confermato. In qualsiasi caso ci saranno, però, delle recensioni programmate degli ultimi film gustati. 
E oggi vi parlo proprio di cinema. Che novità, direte voi! Dedico l'estate soprattutto al recupero di puntate di serie tv e a film che mi sono sfuggiti negli ultimi mesi. Quest'anno, tramite diverse rubriche simili a Movies Around the USA, ho deciso di viaggiare nel tempo per scoprire luoghi e personaggi che, a quanto pare, non conosco mai abbastanza. La Batmarathon nasce per questo motivo. Di cosa si tratta? Beh, lo dice il nome stesso: il protagonista assoluto di questa avventura è Batman, uno dei supereroi più affascinanti di sempre.
Allora, siete pronti a combattere il crimine tra i grattacieli di Gotham City?




Puntate:
1. Batman (1989)
4. Batman & Robin (1997)
5. Batman Begins (2005)
6. Il cavaliere oscuro (2008)
7. Il cavaliere oscuro - Il Ritorno (2012)



Titolo: Batman

Un film di Tim Burton con Jack Nicholson, Michael Keaton, Kim Basinger, Robert Wuhl, Pat Hingle, Billy Dee Williams

Genere: azione, fantascienza, supereroi

Durata: 121 min

Ambientazione: Stati Uniti

Anno: 1989

Voto: 4/5



"Ma dove li pescherà quei magnifici giocattoli?"

Ecco cosa mi ha colpito di Batman. Ai tempi delle elementari, nei pomeriggi invernali con la tv sincronizzata unicamente con Italia 1, l'uomo-pipistrello era una presenza costante che mi stupiva film dopo film. Batmobile, batelicottero, battelefono, batmantello... tutti questi batgadget sembravano provenire da un altro pianeta. In realtà erano straordinarie creature che popolavano il mondo di Gotham City, interpretato da Tim Burton nell'adattamento cinematografico del 1989. Il nome del regista statunitense a quell'età non mi diceva niente - e tuttora non sono una sua grande fan. Probabilmente, però, il merito è di Burton se Batman è diventato presto il mio supereroe preferito.

http://www.fumettologica.it/wp-content/uploads/2014/06/batman-gif-sequenza-6.gifA distanza di dieci-quindici anni, ancora non cambio canale quando trovo uno dei film di questa saga. Le pellicole di Tim Burton non saranno più le mie preferite, ma mi incuriosiscono sempre: ad ogni visione apprezzo una scena diversa che, in precedenza, non avevo mai considerato. Sarebbe facile affermare che la sequenza più importante è quella in cui il giustiziere di Gotham, afferrando il criminale di turno, con tono profondo e solenne dice 'I'm Batman'. Una semplice frase, tre parole che, nella loro banalità, hanno dato inizio alla storia cinematografica, ricca di gioie e dolori, di questo supereroe che ha segnato indissolubilmente la carriera di Michael Keaton - che ormai con Birdman ha spiccato il volo - che, interpretando Bruce Wayne, ha dato nuova vita sul grande schermo al personaggio dei fumetti creato da Bob Kane e Bill FInger. E' proprio Keaton il primo Batman che ricordo, non Christian Bale come molti della mia generazione. 

batman gif 19Ammetto, però, che ciò che mi ha sempre colpito dei film di Batman e soprattutto di questo primo capitolo sia il fatto che i villain siano raffigurati in una maniera talmente eccentrica da rubare la scena al protagonista stesso.  Questo è proprio il caso di Jack Nicholson, qui nei panni di un geniale quanto temibile nemico. Non voglio perdermi in inutili quanto insensati paragoni tra Nicholson e Ledger. Questa versione gangster del Joker mi è sempre piaciuta. L'attore americano è perfettamente all'altezza di tale ruolo e regala momenti epici come il musicale ingresso nel museo d'arte e la trionfale parata per le strade di Gotham City. 

Ora, a qualche anno di distanza dalla mia prima visione, capisco quanto sia fondamentale l'impronta di Burton in questo film e riconosco che gran parte del merito del successo della pellicola sia da attribuire proprio a lui. Ottimo Michael Keaton che regala l'immagine di un supereroe cupo e complesso, non un semplice personaggio invincibile. Le ultime parole, però, sono esclusivamente riservate a Nicholson, capace di immedesimarsi in un villain per niente facile da interpretare, senza mai cadere nel banale e nel fastidioso.

Visione obbligatoria per i fan del genere!




Trailer:




Migliore Scenografia

Nessun commento:

Posta un commento