lunedì 18 agosto 2014

Un'ottima annata - Peter Mayle


Titolo: Un'ottima annata

Titolo originale: A good year

Autore: Peter Mayle

Data pubblicazione: 

Valutazione: 3,5/5





Come ben sapete, il cinema e i libri sono due miei grandi amori. Dopotutto, questo stesso blog testimonia le suddette passioni. I romanzi che hanno ispirato recenti pellicole di successo sono, quindi, affascinanti ed invitanti dolcetti per me. Spesso, però, questi si rivelano cibi scaduti ingannatori.

Un'ottima annata, fortunatamente, non appartiene all'ultima categoria di 'cibo spazzatura'. Questo libro di Peter Mayle, autore che da molti anni vive nel paradiso terrestre della Provenza, è un'ottimo e gustoso piatto per tutte le stagioni ma consigliato soprattutto per l'estate sotto un colorato ombrellone.
Ho adorato l'omonimo film con Russell Crowe. Tutta colpa della Provenza? Questa regione francese ha sempre avuto un effetto strano su di me, quasi magico! È un luogo che ho sempre voluto visitare.


Attenzione! Non lasciatevi, però, ingannare dalla copertina che raffigura un sorridente Max, protagonista del romanzo. La storia ha alcuni punti in comune con quella narrata nel film ma ha altrettante caratteristiche diverse. Il personaggio principale è lo stesso uomo in carriera londinese che, in una serie di sfortunati eventi, perde il lavoro ma riceve in eredità una proprietà in Francia dopo la morte dello Zio Henry. 

Insieme all'amico Charlie, Max pensa ad un possibile 'piano' per vendere la villa e le vigne del parente. L'uomo ricorda poco delle sue estati trascorse in Provenza: solo recandosi sul posto riscoprirà, inaspettatamente il suo amore per quel lontano luogo e non solo. 


Il libro si concentra molto sul vino, mentre nel film questo aspetto ha meno spazio. In questo modo si riesce ad approfondire maggiormente il 'mistero' della produzione della proprietà. Le vicende rosa passano in secondo piano, diversamente da quanto accade nell'adattamento cinematografico in cui esse svolgono un ruolo molto importante. Inoltre queste ultime risultano un po' confuse. Cerco di spiegarmi meglio: per buona parte della lettura non si comprende esattamente quale sia l'interesse romantico di Max. 
Le atmosfere ed i luoghi restano, tuttavia, molto interessanti, diventando - quasi - molto più di semplici sfondi.

Un'ottima lettura interessante :)


-[ Fede

Diventa fan di Stories. su Facebook: Clicca qui!

2 commenti:

  1. Ciao!!!
    non conoscevo nel il film ne il libro... ma sembrano d'avvero interessanti... a me la Provenza ha sempre ricordato vagamente la toscana .... adoro quell'atmosfera li tra vigneti e campi.... =)

    RispondiElimina