giovedì 6 marzo 2014

"Argo" di Ben Affleck


Titolo: Argo

Un film di Ben Affleck con Ben Affleck, Bryan Cranston, Alan Arkin, John Goodman

Genere: drammatico, thriller, storico

Durata: 120 min.

Ambientazione: Stati Uniti, Iran

Anno: 2012

Valutazione: 5/5



<<Se volevamo gli applausi, facevamo il circo.>>




Come probabilmente avrete capito dalle mie ultime 'recensioni cinematografiche' (termine troppo ambizioso), in questi ultimi mesi mi sono dedicata ad un cineforum casereccio - se così si può definire - e ho gustato qualche buon, buonissimo film!

Tra i titoli di questa carrellata si trova anche Argo, che è stato una vera consacrazione per un Ben Affleck versione regista. Il film, in poco tempo, ha conquistato critica e pubblicato ed è volato alla conquista di Hollywood, aggiudicandosi l'ambita statuetta per il miglior film nel 2013. 
Ma di cosa parla questo film di cui tuttora si parla spesso?


Pensando alla parola Argo, la mente si dirige subito verso l'antica Grecia, alla mitologia classica. Insomma, immaginiamo qualcosa di molto, molto lontano dagli ultimi anni Settanta, periodo in cui è ambientato questo interessante film che, precisamente, ha come sfondo la sanguinosa rivoluzione iraniana, scoppiata nel 1979.

In questo tragico momento di crisi internazionale, dei rivoluzionari antistatunitensi (gli Stati Uniti venivano accusati di aver sostenuto il precedente duro regime) occupano l'ambasciata americana. Tutti i diplomatici che vi lavoravano, avvertendo il pericolo, si erano però già attivati per distruggere i documenti e le informazioni che potevano far risalire alle loro identità di cittadini statunitensi.
Sei di questi ambasciatori riescono fortunatamente a fuggire, senza essere quindi presi in ostaggio dai rivoltosi. Per salvarsi, si nascondono presso l'ambasciata Canadese, gestita da Ken Taylor (Victor Garber). 

I servizi segreti statunitensi hanno il difficile incarico di riportare in patria i sei diplomatici senza che essi vengano riconosciuti e catturati in un paese in piena crisi nazionale. La CIA, quindi, teorizza diversi metodi per salvare i connazionali, senza, però, considerare la credibilità e la fattibilità. Solo l'agente Tony Mendez (Ben Affleck) propone un piano possibile: fingere che i diplomatici siano dei componenti di una troupe cinematografica che si è recata sul luogo per valutare l'ambientazione di un futuro film. Ma i controlli per 
uscire dall'Iran non sono facili da superare.

Ero totalmente all'oscuro di questa operazione "ARGO" (titolo del finto film) e dei fatti che hanno caratterizzato questo decennio. 
Al termine della visione il mio primo pensiero è stato: "Wow, questo film si è meritato veramente l'Oscar!". Già, spesso mi trovo un po' in disaccordo con le decisioni prese dall'Academy, ma questa volta non è successo. Infatti, Argo affronta con coraggio un fatto delicato e rimasto sotto la polvere volutamente per molti anni.

E' incredibile pensare come la realizzazione di un film sia stata usata come copertura per un'operazione segreta! E' ancora più interessante, però, scoprire come è stato organizzato minuziosamente l'inganno del falso film. Tra i collaboratori, infatti, si trovano anche personalità di spicco, ma soprattutto credibili, del mondo Hollywoodiano che, in quel periodo, viveva la piena era della fantascienza. Alcuni nomi importanti sono John Chambers (interpretato da John Goodman) e Lester Siegel (Alan Arkin nel film), un truccatore ed un costumista che hanno contribuito attivamente alla riuscita dell'operazione.

In conclusione, Argo è un film consigliatissimo che mescola diversi generi, dal thriller all'azione, dalla commedia alla tragedia passando giustamente per lo storico, tutti equilibrati magistralmente tra loro in modo da non annoiare nè infastidire un pubblico molto vasto.

Buona visione! :)






Miglior Film
Migliore Sceneggiatura non Originale
Miglior Montaggio


-[ Fede

Nessun commento:

Posta un commento