lunedì 6 gennaio 2014

Colazione da Starbucks - Laura Fitzgerald



Titolo: Colazione da Starbucks

Titolo originale: Veil of Roses

Autore: Laura Fitzgerald

Data pubblicazione: 2009

Voto: 4/5



“La libertà, comincio a capire, consiste nel non rendersi neppure conto di essere liberi.”




Se, leggendo il titolo di questo romanzo, avete pensato, anche solo per qualche attimo, che si trattasse di una tra le tante storielle rosa che ormai colonizzano gli scaffali delle librerie, beh, avete completamente sbagliato!
Colazione da Starbucks è un romanzo, a mio parere, molto interessante.

La protagonista, infatti, è Tami, una ragazza iraniana ormai vicina all'età che viene considerata "da matrimonio". Per le giovani come lei è difficile vivere in Iran: molte cose, normali in altri stati, sono illegali. Il ruolo della donna, soprattutto, è sottovalutato ma, soprattutto, non è rispettato.

I genitori di Tami, quindi, regalano alla figlia un viaggio negli Stati Uniti con un visto per tre mesi. La protagonista capisce quanto sia importante questa opportunità per tornare nel paese in cui aveva già vissuto da piccola e di cui mamma e papà continuano a parlare. Ad attenderla nella città americana di Tucson, ci sarà la sorella maggiore Maryam, sposata con un giovane persiano. 
Ancora prima di poggiare piede sul suolo a stelle e strisce, sull'aereo la ragazza comprende che sta per visitare un nuovo mondo, un mondo completamente diverso, per usi e costumi.

Per ottenere, però, l'ambita green card che le permetterebbe di rimanere ipnegli USA, Tami deve sposarsi entro la fine del periodo del suo visto. La sorella, quindi, organizza diversi appuntamenti con giovani persiani che si sono stabiliti in Arizona e che sono in cerca di una moglie. Tra fortuiti incontri da Starbucks e strani possibili fidanzati, Tami riuscirà a sposarsi?

A prima vista il titolo mi aveva ingannato. Mi aspettavo un libro nello stile chick lit o simili. Non fraintendetemi: amo il genere portato alla ribalta dalla Kinsella, ma ultimamente le pubblicazioni di questo tipo sembrano sempre più fotocopie mal riuscite.

Ma Laura Fitzgerald ha scritto qualcosa di diverso che da alcuni spunti suggerendo interessanti domande: cos'è la libertà? Come vediamo la libertà? Ciò può essere un modo per riflettere su alcune abitudini che, inizialmente, possono sembrare anche solo piccoli dettagli ma che per qualcuno proveniente da una cultura differente simboleggiano molto di più.

Superconsigliato ;)

-[ Fede

1 commento: